Istantanee scattate in giornate qualunque: brevi cronache che possono appartenere ad ogni donna. Perché ogni donna, a volte, può essere Lea…

≈ 154 ≈ Domenica sera

Lea non aveva mai giocato a burraco. Conosceva un gran numero di giochi a carte, dai più semplici ai più complessi, tranne quello. Domenica sera però si è trovata a casa di amici appassionati giocatori e si è lasciata coinvolgere.  Dopo cena, è partita la proposta di...

leggi tutto

≈ 153 ≈ Mercoledì

Gennaio non è ancora finito, eppure le giornate già si stanno allungando. La luce è più intensa e col sole i colori assumono sfumature pastello, quasi primaverili. Lea non s’illude: sa che ancora arriveranno giorni di freddo, pioggia e nebbia, ma questi scampoli di...

leggi tutto

≈ 152 ≈ Lunedì

L’aeroporto è affollato, come sempre. Un microcosmo variegato e colorato di persone, valigie, zaini che si muove alla rinfusa, senza ordine, senza un senso apparente. Tutti comunque affaccendati: in coda al check in, in cammino verso il gate, al bar davanti a un caffè...

leggi tutto

≈ 151 ≈ Venerdì mattina

Auguri, auguri, auguri! Quando i social e le chat non avevano ancora invaso il suo quotidiano, Lea inviava gli auguri a mezzo posta. A metà dicembre acquistava buste e biglietti e, armata di tanta pazienza e dell’agenda degli indirizzi, scriveva e spediva. Da anni...

leggi tutto

≈ 150 ≈ Martedì

Operazione regali. Lea si ripromette sempre di esaurire gli acquisti prima di metà dicembre, quando i negozi non sono ancora troppo affollati e le commesse più pazienti e disponibili. E ogni anno, puntualmente, disattende i suoi buoni propositi. Eppure si organizza...

leggi tutto

≈ 149 ≈ Sabato pomeriggio

Dicembre è in arrivo, con le Feste, i regali, gli auguri. Da quando i ragazzi sono cresciuti, Lea fatica non poco ad avventurarsi in quest’ultimo mese dell’anno, così impegnativo e travolgente. Prima tutto era un’occasione di gioco e di gioia: addobbare l’albero,...

leggi tutto

≈ 148 ≈ Lunedì sera

La giovane donna che abita nell’alloggio accanto al suo ha una bimba di due anni e un cane bianco. La piccola ha una faccetta furba, occhi scuri e un caschetto di capelli mossi. A volte la sente ridere, spesso piangere. Il cane è buono e silenzioso. I loro movimenti...

leggi tutto

≈ 147 ≈ Venerdì

L’assemblea condominiale è un appuntamento inevitabile. Lea lo affronta con rassegnazione, come un evento cui non ci si può sottrarre, anche se non entusiasma granché. E’ un diritto, è un dovere. Potrebbe delegare un altro inquilino a intervenire in sua vece e in...

leggi tutto

≈ 146 ≈ Domenica sera

Lea è una sportiva pigra. Etichetta, quasi un ossimoro, per definire chi ha capacità e attitudini ma non le esercita spesso. E’ una discreta nuotatrice, scia e gioca a tennis senza eccessivo entusiasmo, non corre. Piuttosto ama lo sport da spettatrice televisiva e...

leggi tutto

≈ 145 ≈ Mercoledì

Le ore di Lea sono da sempre dense. Lavori vari, casa, libreria – grazie al cielo le hanno rinnovato il contratto part-time – occupano buona parte delle sue giornate. Come tutti quelli che si dividono tra più occupazioni, deve ottimizzare i tempi, incastrare gli...

leggi tutto
Share This