Aprile

Repentini mutamenti di luce descrivono le giornate d'aprile: corolle di velluto legate in girotondi  come bambole di carta leggera Alda Invernizzi    

leggi tutto

Io, la tigre

Io, la tigre – piccolo quadro a colori E’ l’alba: anche questa notte la foresta pluviale ci ha protetto. Ora  il sole filtra tra i rami degli alberi che creano una volta lussureggiante. Il nostro lungo viaggio proseguirà ma in questo luogo possiamo fermarci ancora...

leggi tutto

La guida

Le stelle accese in fondo agli occhi di un'anima felice bastano a rischiarare l'angolo più buio del mondo. Quando la tua torcia si spegnerà fatti guidare dalla loro luce.   Alda Invernizzi

leggi tutto

Io e le altre me

Vivo, da tempo immemorabile, in compagnia di più di una me stessa.  Quella principale, attorno a cui ruotano le altre, docili e in subordine, è la me stessa moglie, madre,  figlia, lavoratrice. Una me stessa infaticabile, energica, positiva, che tutto affronta e tutto...

leggi tutto

Vittoria

Bianca andava a scuola volentieri. Era attenta e diligente e non faticava a conseguire buoni risultati. Di pomeriggio, affrontava i compiti e la lezione con energia e il tempo dedicato allo studio le pareva ben speso. Era l’ultimo anno della scuola elementare: il...

leggi tutto

I bambini che eravamo

Anna era piccina e aveva le guance paffute; portava i capelli a caschetto trattenuti di lato da una molletta minuscola – tre fiorellini di plastica azzurra – e indossava gonne a pieghe. Aveva occhi sorridenti e un lieve broncio, sempre. Una delle contraddizioni che...

leggi tutto

Inedito

Assonanze   La voce che si sposa con la mia per suoni e parole e per poesie incompiute e indefiniti disegni. Il malessere lieve che accompagna le nostre giornate senza scomporle. La ricerca ostinata del meglio che appaghi e non offenda le certezze. Gli stessi colori,...

leggi tutto

Per un’amica

Adesso, che questo cielo e` a brandelli, che l`asfalto si sbriciola sotto le suole, che i rami si piegano e il mare ingrossa, adesso, che sei rugiada perfetta, tu splendi, splendi, splendi... Alda Invernizzi

leggi tutto

Pendolari

In questi giorni, purtroppo, si parla di pendolari.  Un disastro ferroviario ha acceso un potente riflettore su una categoria di viaggiatori spesso dimenticata o bistrattata. E insieme allo sgomento e alla tristezza sono affiorati i ricordi. Sono stata anch’io una...

leggi tutto

Cara Amica ti scrivo

Ho la fortuna di avere tanti amici: molte persone attorno, affettuose, presenti, solidali, disponibili. Le cerco e mi cercano, con una netta prevalenza della prima ipotesi rispetto alla seconda, ma non mi pesa. Forse – mi dico – io ho meno impegni, maggior tempo...

leggi tutto
Share This