Lea ha un’amica speciale, un’alleata, una compagna insostituibile: la sua preziosa agenda.
Sul tavolino accanto al suo letto accoglie, da sempre, i progetti, gli impegni, le scadenze di tutto l’anno.
Ha una custodia di pelle nera vissuta il giusto, le pagine settimanali, un corredo di foglietti colorati per gli appunti e gli elenchi, comode tasche laterali: è elegante e sobria.
Non la porta mai con sé;  durante il giorno è stata da tempo soppiantata – per ragioni di praticità – dal cellulare e dalle sue applicazioni, utili ed efficaci.
Alla compilazione dell’agenda Lea si dedica la sera, prima di dormire.  Scrive, spunta, ha soprattutto bisogno di scorrere gli impegni previsti per l’indomani e per i giorni a venire. Le serve per fotografare la settimana e tenerla mentalmente sott’occhio.
Da tempo però ha anche preso l’abitudine di annotare a fine giornata un evento, un fatto, un’occasione felice. Anche una piccola cosa, un complimento ricevuto, un incontro speciale, un acquisto azzeccato.
Forse è un’ingenuità, ma appuntare giorno dopo giorno qualcosa di bello le regala una sensazione altrettanto piacevole, rinfrancante:  un’immagine cristallizzata da rivedere e ricordare.
Scorrere a ritroso l’agenda è come salire su una giostra colorata per un giro spensierato e veloce. Prima del sonno, prima di domani.

Share This
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: